GIORNO DELLA MEMORIA; SINDACO DI MATTIA: RICUCIRE GLI STRAPPI DELL’INDIFFERENZA PER NON CREARE VORAGINI INSUPERABILI

 “Non cosa serve a te, ma a cosa servi tu. E’ questa la domanda che dobbiamo porci , perché nessuno esiste a caso”. Questo il concetto su cui il Rav Shalom Hazan, direttore del Centro Chabad Lubavtich di Roma, ha incentrato la sua lezione dal titolo “Tiqqun ‘olam: Rammendare il mondo”,  questa mattina nell’Aula Magna del Liceo scientifico D’Ascanio a Montesilvano, davanti ai ragazzi di due classi dell’Itis Alessandrini ed in diretta streaming con tutte le classi del D’Ascanio.

 

petruzzella dimattia lussoso Hazan ciacioUna lezione particolare, organizzata dall’Amministrazione comunale con la collaborazione del Liceo, per condividere insieme ai cittadini più giovani i valori del Giorno Della Memoria. Ad introdurre l’incontro, moderato dal giornalista Fabio Lussoso, la prof.ssa Natalina Ciacio, preside del liceo, ed il sindaco Attilio Di Mattia. “La memoria è il vero antibiotico contro la violenza – ha detto la preside – le diversità non devono mai essere motivo di separazione”. “ Non vi chiedo di essere gli eroi di una Gotham City che nella vita reale non esiste –  ha aggiunto il sindaco Attilio Di Mattia rivolgendosi ai ragazzi – ma vi chiedo di coltivare anche piccoli gesti quotidiani che vadano a sgretolare le mura dell’indifferenze e dell’apatia, insomma, di ricucire, come sarti attenti e con un lavoro costante, gli strappi che, se lasciati nel disinteresse, diventano voragini insuperabili”. Tanti i ragazzi che hanno ascoltato con attenzione e curiosità la lezione del Rabbino Hazan, ponendogli domande sulla Shoah e su quel pezzo di storia non troppo lontano. Perché, così come ha ricordato anche il tenente della stazione dei Carabinieri di Montesilvano,Petruzzella, citando Rousseau, “Una cattiva azione non ci tormenta appena compiuta ma a distanza di tempo, quando la si ricorda, perché il ricordo non si spegne”. L’incontro con i giovani studenti di Montesilvano si è concluso sulle note del Trio Temporaneo Klezmer con frammenti di musica ebraica.