Sfruttamento della prostituzione, Brocchi: “Il Comune parte civile nei procedimenti penali”

«Il Comune sta valutando l'ipotesi di costituirsi parte civile nei procedimenti contro lo sfruttamento della prostituzione e la riduzione in schiavitù». Lo annuncia l'assessore alla Polizia Municipale Leo Brocchi. «Lo sfruttamento della prostituzione è uno dei problemi più gravi della città di Montesilvano. Un fenomeno che arreca un danno di immagine di grave entità all'intera città. Quest'Amministrazione intende fare il possibile per eliminare dalle strade di Montesilvano la prostituzione, ecco perché vogliamo adottare una linea dura nei confronti degli sfruttatori delle prostitute. Innanzitutto intensificheremo i controlli su tutto il territorio- prosegue Brocchi - e non appena verranno avviati i procedimenti penali nei confronti degli sfruttatori, il Comune si costituirà parte civile nel processo. Chiederemo un risarcimento danni agli imputati e quanto verrà eventualmente riconosciuto a quest'Amministrazione verrà devoluto alle associazioni del territorio che promuoveranno progetti a sostegno delle persone vittime di tratta ai fini dello sfruttamento sessuale».


«Proprio insieme alle associazioni che si dedicano al recupero e al reinserimento delle ragazze che hanno l'opportunità di uscire dal giro della prostituzione stiamo avviando una stretta collaborazione per agevolare questi progetti. Non possiamo rimanere indifferenti al dramma che si nasconde dietro queste ragazze di strada».

«Con tutta questa serie di azioni – conclude Brocchi – vogliamo rispondere al dovere che investe un'amministrazione comunale di tutelare gli interessi della collettività e, contemporaneamente, le vittime di queste tragiche vicende. Il Comune parteciperà pertanto ai processi penali, garantendo la difesa delle persone sfruttate e la piena salvaguardia dei diritti fondamentali che sono stati violati».