Ufficio Disabili, il Comune di Montesilvano porta le sue buone pratiche all’Università

Il Comune di Montesilvano quale buon esempio relativamente all'accessibilità e all'inclusione sociale. Le buone pratiche adottate dall’Ente saranno al centro del seminario "Autonomia Indipendenza Inclusione”, organizzato, in occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità, dal gruppo di ricerca BETHA (Built Environment Technologies and Healthy Architecture) che opera presso il Dipartimento di Architettura dell'Università G. d’Annunzio di Chieti - Pescara e la neo costituita Associazione ONLUS I.S.S.I. - International Scientifici Society Inclusive.

Relatori al convegno, che si terrà il 9 dicembre, saranno Claudio Ferrante e Alessia Marzuoli, Disability Manager del Comune di Montesilvano. 

«Siamo molto onorati di aver ricevuto questo invito – ha commentato Claudio Ferrante, responsabile dell’Ufficio Disabili, nato nel 2007 per offrire a cittadini, operatori sociali e sanitari informazioni e servizi utili all’abbattimento di ogni barriera-. Il seminario sarà l’occasione per tracciare un bilancio dei grandi risultati ottenuti dall’Ufficio Disabili del Comune di Montesilvano, quali il progetto di sensibilizzazione dei diritti delle persone con disabilità realizzato nelle scuole secondarie di Primo Grado della città, l’istituzione di un numero verde per tutelare il parcheggio riservato agli invalidi, i parchi senza barriere, la pet therapy, la lotta alla burocrazia. Siamo riusciti a garantire la completa accessibilità a Palazzo di Città che oggi è senza barriere, abbiamo attivato un sito internet dedicato all’argomento, abbiamo riservato delle aree sul demanio di Montesilvano dotandole dei servizi necessari per renderle spiagge completamente accessibili e infine siamo l’unico Comune abruzzese ad aver aderito alla Convenzione Onu sui diritti della disabilità».

«L’Ufficio disabili è un fiore all’occhiello del Comune di Montesilvano – ha dichiarato il sindaco Francesco Maragno – e l’invito a questo seminario quale esempio di inclusione, e di accessibilità ne è la riprova. Proprio grazie a questa struttura il nostro Comune è divenuto un punto di riferimento a livello regionale e nazionale in materia di disabilità e questo non può che inorgoglirmi».