Giustizia riparativa, primo giorno di lavoro per il detenuto

Primo giorno di lavoro, oggi, per il detenuto della Casa Circondariale di Pescara, a Montesilvano Colle, nell’ambito del progetto di “giustizia riparativa per l’inserimento lavorativo dei detenuti e il recupero del patrimonio ambientale locale”. Frutto di una convenzione tra il Comune di Montesilvano e il Carcere di Pescara, riattivata anche quest’anno dalla Giunta Maragno con una delibera dello scorso 21 agosto, l’iniziativa ha l’obiettivo di reintegrare i detenuti e offrire loro un’occasione per ripagare il danno arrecato alla collettività attraverso lavori di pubblica utilità.
Il detenuto, individuato dal direttore del carcere, si occuperà di operazioni di piccola pulizia, e di interventi di ripristino e tinteggiatura delle panchine esistenti e della staccionata lungo la passeggiata del belvedere di Montesilvano Colle.


Il detenuto svolgerà le sue prestazioni, dal lunedì al sabato, dalle 8:30 alle 12:30, sotto la supervisione di Danilo Palumbo, in qualità di consigliere comunale e di agente di Polizia Penitenziaria.
Nel pomeriggio, invece, il detenuto, che è anche un atleta, si allenerà con il pugile Lorenzo Di Giacomo.
Il Comune ha dotato l’incaricato dei dispositivi di protezione individuali per lavorare in sicurezza come previsto dalle normative. Il detenuto, che resterà sotto la diretta responsabilità del carcere di Pescara, verrà retribuito con una somma di 300 € mensili, che verrà corrisposta alla Casa Circondariale. «L’iniziativa di giustizia riparativa – ha affermato il consigliere Palumbo – è un ottimo strumento per agevolare il reintegro del detenuto nel mondo del lavoro. Allo stesso tempo è anche una buona occasione per operazioni di piccola manutenzione in città e nello specifico nel borgo di Montesilvano Colle».