Ok della Giunta al Consiglio Comunale dei bambini e dei ragazzi

Montesilvano avrà il suo Consiglio Comunale dei bambini. Lo ha stabilito una delibera di indirizzo approvata questa mattina dalla Giunta.

«Avvicinare i cittadini alle Istituzioni è un obiettivo primario per ogni Amministrazione – dichiara l’assessore alla Pubblica Istruzione Maria Rosaria Parlione - stimolare bambini e ragazzi, educandoli alla cittadinanza attiva, lo è ancora di più. Abbiamo quindi ritenuto utile promuovere la costituzione del Consiglio Comunale dei bambini e dei ragazzi che è peraltro previsto dallo Statuto Comunale». Con la delibera approvata oggi vengono quindi avviate le pratiche per organizzare la costituzione del Consiglio Comunale dedicato ai giovani montesilvanesi, secondo il regolamento approvato dal Consiglio Comunale nel 2005. L’iniziativa verrà organizzata di concerto con le autorità scolastiche.

L’assise sarà composta da 18 consiglieri, eletti tra gli alunni delle classi IV e V elementare e delle scuole medie (I, II, III) della città. I consiglieri saranno 3 alunni di IV elementare (2 femmine e 1 maschio), 3 di V (1 femmina e 2 maschi), 4 di prima media (2 femmine e 2 maschi), 4 di seconda (in parità di genere) e 4 studenti di terza media (2 femmine e 2 maschi). Le elezioni dei consiglieri, che rimarranno in carica per 2 anni, si svolgeranno entro il mese di novembre di ogni due anni (salvo il rinnovo annuale dei consiglieri decaduti dalla carica).

I bambini delle scuole primarie verranno sorteggiati, tra coloro che hanno avanzato la candidatura, in modo da garantire la rappresentatività dei circoli didattici; gli studenti delle scuole secondarie di primo grado verranno invece scelti con elezioni ufficiali. Il Consiglio, che si riunirà nella sala del Consiglio Comunale di Palazzo di Città, verrà convocato, sempre secondo regolamento, una volta ogni due mesi. Nella prima seduta verrà eletto un portavoce. Una volta all’anno i piccoli consiglieri parteciperanno ad una seduta straordinaria del Consiglio Comunale, presentando proposte e osservazioni elaborate durante le loro sedute consiliari. Al termine della seduta straordinaria, il Consiglio Comunale approverà un ordine del giorno che darà mandato alla Giunta di dare risposta alle istanze discusse.

«Il Consiglio dei bambini e dei ragazzi – dice ancora la Parlione – è uno strumento valido che mostra concretamente il funzionamento della macchina amministrativa, consente ai piccoli consiglieri di esprimere esigenze e desideri sulla loro città e avanzare le loro proposte, su tematiche a loro vicine quali ambiente, mobilità urbana, sport, cultura e politiche giovanili».