Qualità dell’aria, il sindaco chiede alla Regione nuove centraline per il monitoraggio

L’installazione di ulteriori centraline di rilevamento della qualità dell’aria. È questo il contenuto di una richiesta indirizzata al sottosegretario alla presidenza della Giunta Regionale, Mario Mazzocca e inviata dal sindaco di Montesilvano Francesco Maragno.
«Un Comune con una popolazione in costante crescita, che nel 2015 ha raggiunto i circa 53.700 abitanti, toccando picchi ancora più numerosi nella stagione estiva – spiega il primo cittadino – e un’estensione territoriale di circa 24 km² necessita di un rilevamento capillare ed accurato della qualità dell’aria. Ad oggi il nostro Comune può contare su di una sola centralina fissa di rilevamento,

gestita dall’ARTA e installata nella zona nord del territorio, nei pressi del confine con la vicina Città Sant’Angelo. Crediamo essenziale, per la tutela della salute dei montesilvanesi e di quanti vivono il nostro territorio, monitorare in maniera più precisa la qualità dell’aria nelle diverse zone della città. Ecco perché abbiamo inoltrato una richiesta alla Regione, così da incrementare il numero delle centraline, soprattutto su quelle zone dove il traffico veicolare è particolarmente concentrato e i livelli degli inquinanti potrebbero quindi risultare superiori ai limiti di legge».
«I dati del 2015 – commenta ancora il sindaco – sono stati pressoché positivi, mentre nei primi 15 giorni del 2016 è emerso un superamento del valore delle polveri sottili. La qualità dell’aria è un tema di estrema attualità, che interessa tutti, da osservare e monitorare con attenzione per valutare opportuni interventi».