L’assessore Vaccaro incontra i vertici Aca

Incontro operativo dell’assessore alle Politiche Ambientali Fabio Vaccaro con il direttore generale Bartolomeo Di Giovanni e con il direttore tecnico Lorenzo Livello dell’Aca, l’Azienda Comprensoriale Acquedottistica.

«Ho sollecitato un incontro – ha dichiarato Vaccaro – per analizzare anche con l’Aca le attività inerenti il sistema idrico integrato, al fine di arricchire ulteriormente il quadro relativo alla situazione ambientale lungo il fiume Saline. Abbiamo richiesto maggiori controlli ed ispezioni sul sistema di smaltimento delle acque reflue. Le pompe di sollevamento sono tutte dotate di tele allarme che entra in azione in caso di mancato funzionamento, con conseguente intervento immediato da parte degli operatori tecnici Aca». Durante l’incontro è stato illustrato all’assessore Vaccaro anche il progetto, in via di definizione, per la realizzazione di un bacino di trattamento terziario di fitodepurazione e trattamento delle acque di pioggia e di un sedimentatore secondario presso il depuratore. Tale sistema ha lo scopo di ridurre il ricorso continuo a trattamenti di disinfezione chimica e al tempo stesso potenziare la portata del depuratore.

«Ho trovato piena collaborazione da parte dell’Azienda acquedottistica sia in ottica preventiva che di gestione – aggiunge Vaccaro -. L’Aca ha infatti assicurato una reperibilità costante per l’intervento immediato in caso di emergenza. Nei prossimi giorni, inoltre, eseguiremo anche un sopralluogo congiunto presso il depuratore consortile, al fine di analizzare la situazione direttamente sul posto. Nell’ottica di mantenere alta l’attenzione su questo importantissimo tema, vogliamo porci come coordinatori tra tutti i soggetti coinvolti nelle attività volte al miglioramento della qualità delle acque del nostro territorio».

L’incontro si affianca dunque alle riunioni operative, dei giorni scorsi, con l’Arta con la quale è stato deciso il potenziamento di punti di prelievo e di frequenza dell’attività di campionamento del fiume Saline, e con la Polizia Provinciale che ha eseguito controlli ad hoc.

L’assessore Vaccaro incontra i vertici Aca

 

 

Incontro operativo dell’assessore alle Politiche Ambientali Fabio Vaccaro con il direttore generale Bartolomeo Di Giovanni e con il direttore tecnico Lorenzo Livello dell’Aca, l’Azienda Comprensoriale Acquedottistica.

«Ho sollecitato un incontro – ha dichiarato Vaccaro – per analizzare anche con l’Aca le attività inerenti il sistema idrico integrato, al fine di arricchire ulteriormente il quadro relativo alla situazione ambientale lungo il fiume Saline. Abbiamo richiesto maggiori controlli ed ispezioni sul sistema di smaltimento delle acque reflue. Le pompe di sollevamento sono tutte dotate di tele allarme che entra in azione in caso di mancato funzionamento, con conseguente intervento immediato da parte degli operatori tecnici Aca». Durante l’incontro è stato illustrato all’assessore Vaccaro anche il progetto, in via di definizione, per la realizzazione di un bacino di trattamento terziario di fitodepurazione e trattamento delle acque di pioggia e di un sedimentatore secondario presso il depuratore. Tale sistema ha lo scopo di ridurre il ricorso continuo a trattamenti di disinfezione chimica e al tempo stesso potenziare la portata del depuratore.

«Ho trovato piena collaborazione da parte dell’Azienda acquedottistica sia in ottica preventiva che di gestione – aggiunge Vaccaro -. L’Aca ha infatti assicurato una reperibilità costante per l’intervento immediato in caso di emergenza. Nei prossimi giorni, inoltre, eseguiremo anche un sopralluogo congiunto presso il depuratore consortile, al fine di analizzare la situazione direttamente sul posto. Nell’ottica di mantenere alta l’attenzione su questo importantissimo tema, vogliamo porci come coordinatori tra tutti i soggetti coinvolti nelle attività volte al miglioramento della qualità delle acque del nostro territorio».

L’incontro si affianca dunque alle riunioni operative, dei giorni scorsi, con l’Arta con la quale è stato deciso il potenziamento di punti di prelievo e di frequenza dell’attività di campionamento del fiume Saline, e con la Polizia Provinciale che ha eseguito controlli ad hoc.