Montesilvano Comune virtuoso per la dotazione dei defibrillatori

manovre salvavita


Nuovo corso questa mattina con le associazioni del centro sportivo Trisi

Hanno ricevuto l’attestato di BLS-D “Abruzzo Soccorso” i rappresentanti delle associazioni sportive che questa mattina hanno svolto la lezione sul primo soccorso e sul corretto utilizzo dei defibrillatori nell’ambito del progetto “Montesilvano Sicura – Defibrillatori accessibili”.
«Da circa un anno - ricorda il presidente della Commissione Sanità, Lorenzo Silli – abbiamo collocato ben 5 defibrillatori, installandoli in tre centri sportivi, ossia il PalaSenna, il campo sportivo di via Foscolo e Trisi, a Palazzo Baldoni e nella sede centrale comunale. Montesilvano entra così tra i Comuni virtuosi nell’ambito della prevenzione e della gestione delle emergenze cardiache.

Siamo infatti uno dei Comuni con il numero maggiore di Dae, sul territorio, a livello nazionale. Abbiamo organizzato diverse giornate di corso, durante le quali abbiamo formato circa 50 persone. La lezione di oggi era rivolta alle associazioni che utilizzano il centro sportivo Trisi, dove abbiamo collocato uno dei defibrillatori che lo scorso Natale ci è stato donato dalla Bcc di Castiglione Messer Raimondo e Pianella».
«Finalmente possiamo constatare un’attenzione sempre crescente a quest’attività di prevenzione – dichiara il presidente della Commissione Sport, Alessandro Pompei -. Le associazioni devono comprendere che recepire la legge Balduzzi con la quale si impone la dotazione dei defibrillatori semiautomatici negli impianti sportivi, è una questione di responsabilità prima ancora di essere un obbligo di legge, e che garantire la sicurezza degli atleti professionisti e ancora di più di quelli amatoriali durante l’esercizio dell’attività sportiva è un dovere civile e morale dal quale non possono assolutamente esimersi. Troppo spesso, infatti, coloro che non esercitano attività sportive a livello agonistico, non si sottopongono a visite mediche specialistiche che possano certificare il loro stato di salute, esponendosi a maggiori rischi».
La lezione, tenuta da Mirko Maccarone e Zopito Colantoni, del 118 S.U.E.M. Pescara, è stata articolata in una parte teorica nella quale sono state illustrate le metodologie di valutazione dello stato di coscienza, dell’attività respiratoria e circolatoria, le nozioni relative all’utilizzo del defibrillatore, e in una prova pratica. Un nuovo corso verrà organizzato per i dipendenti comunali.