Orti Urbani, consegnati i 30 appezzamenti di via Don


Consegna ufficiale questa mattina dei primi 30 Orti Urbani che l’Amministrazione Comunale ha creato in via Don ed assegnato, per mezzo di un avviso pubblico, ad altrettanti cittadini.

Stamani gli assegnatari hanno ricevuto, in una cerimonia ufficiale, la chiave dei loro orti, che ora gestiranno e coltiveranno in autonomia.

Alla cerimonia, oltre al sindaco Francesco Maragno, al consigliere Carlandrea Falcone, agli esponenti della Giunta e ai consiglieri comunali, ha preso parte anche Germano D’Aurelio, in arte ‘Nduccio che, con la sua ironia, ha animato la manifestazione.

«Orti urbani - ha dichiarato il consigliere Carlandrea Falcone - significano aggregazione, perché rappresentano un progetto di condivisione che dà una occasione di socializzare ai 30 assegnatari. Significano cibo e salute, quel binomio sempre più importante per la nostra vita. Prodotti a km 0 inseriti nella nostra dieta, infatti, consentono di assumere uno stile di vita sempre più salubre. Questo progetto è inoltre un importante mezzo di supporto alle famiglie in difficoltà che potranno beneficiare dei frutti dei loro orti».

Patate, pomodori, carciofi e tutti i prodotti che la terra potrà offrire. Queste le principali coltivazioni a cui gli assegnatari hanno annunciato di dedicarsi.

«Questo progetto - ha dichiarato il sindaco, Francesco Maragno – è un’altra bellissima declinazione di cittadinanza attiva che la nostra Amministrazione sta valorizzando sotto vari aspetti. I cittadini sono un perno importante nella gestione del bene comune. Crediamo molto in questo valore, che in tale iniziativa diventa tangibile e concreto. L’area è stata suddivisa in 32 appezzamenti. 30 sono stati assegnati ad altrettanti montesilvanesi. Uno è stato consegnato alle tre sigle sindacali dei pensionati che utilizzeranno questo piccolo appezzamento per dare vita a progetti sociali e didattici e un altro ancora verrà invece assegnato ai cittadini del Tavolo Tari. E’ nostra intenzione, creare anche altri orti sociali in altre zone del territorio, rispondendo alle sempre crescenti richieste dei cittadini che hanno apprezzato particolarmente questo progetto. Voglio ringraziare - dichiara ancora il sindaco - gli assessori che si sono impegnati in questo progetto, Valter Cozzi ai Lavori Pubblici e al verde Ernesto De Vincentiis, il consigliere Carlandrea Falcone e il tecnico Alfonso Di Cola».

Hanno ritirato la chiave: Maria Fatima Lopes, Domenico Masciovecchio, Orlando Trasatti, Alessandra Ciofani, Antonio Di Lallo, Ferruccio Martella, Giovanni Iula, Antonio Prosperi, Sigifrido Liberati, Claudio Ravicini, Arturo Ruggieri, Raffaele Casasante, Pantaleone De Clerico, Claudio Fragassi, Bruno Scevola, Romano Lattanzio, Anna Maria Buccella, Vittorio Iannascoli, Salvatore Fiorino, Luigi Santedicola, Armando Mambella, Elio Colantoni, Nadia Di Carlo, Alessandro Ruggieri, Volodymyr Fostenko, Marco Daluiso, Silvio Di Rocco, Roberto Viola, Franco Di Censo, Lucio Schiavone.

Un altro orto è stato consegnato alle tre sigle sindacali dei pensionati Uil, Cgil e Cisl, rappresentati, rispettivamente, da Michele Di Marco, Giovanni Amelii e Gaetano Mambella. L’area è stata benedetta da don Maurizio Sonaglia della Parrocchia Beata Vergine Monte del Carmelo.