DI MATTIA AD ANELLI: I REATI VANNO DENUNCIATI IN PROCURA E NON SU FACEBOOK, ANDRO’ IO DALLE AUTORITA’

dimattia_sindaco_montesilvanoOggi il consigliere Anelli ha pubblicato una foto sul suo profilo facebook di una missiva anonima a lui indirizzata che conterrebbe, così come scrive il consigliere comunale,  “un'informativa anonima su bandi scandalosi fatti dal comune di Montesilvano!”

 

“Trovo gravissimo – commenta il Sindaco Di Mattia - che Anelli abbia definito “scandalosi” gli atti del “Comune” di Montesilvano, sulla base di una missiva anonima ricevuta, senza assumersi la responsabilità di dire cosa sa ed a cosa si riferisce. Di fatto, il consigliere comunale su facebook ha denunciato un reato. Ma i reati, vorrei ricordare ad Anelli, vanno denunciati con coraggio nelle sedi preposte che, naturalmente, non coincidono con quelle della rete. Anelli non può continuare a lanciare il sasso ed a nascondere la mano. Sarebbe davvero grave se si fosse limitato a pubblicare una foto su facebook, senza avere avuto il coraggio e senso del dovere richiesti ad un consigliere comunale di rivolgersi alla Autorità giudiziarie. Un coraggio e senso di responsabilità che di certo a me non mancano, tanto che non esiterò ad andare io stesso in Procura. In modo che se Anelli non vi si è recato oggi stesso, chiederò alla magistratura di sentirlo affinché dica tutto quello che sa su questi, come lui li definisce, "bandi scandalosi". Perché di scandali Montesilvano ed i montesilvanesi ne hanno subiti fin troppi, ed anche su questa situazione andrò fino in fondo. La prossima volta, mi auguro, che il consigliere Anelli impari prima ad assumersi responsabilità e ad agire con coraggio e poi a pubblicare foto sui vari social network, cercando di diffondere notizie vere e  precise per il ruolo che ricopre. Cominciando a dire chiaramente, quando fa di queste denunce sul web, a chi si riferisce ed a cosa.”