LINO RUGGERO: BASTA MANTI STRADALI RATTOPPATI. I CONTROLLI SERRATI E INTRANSIGENTI FUNZIONANO

lavoi mantostradaleContinuano i lavori di ripristino del manto stradale a costo zero per la cittadinanza. E’ il risultato della politica dei controlli serrati messa in atto dal Vice sindaco Lino Ruggero che ha voluto l’applicazione alla lettera del regolamento del Comune, troppo spesso disatteso negli anni passati, in cui si prevede che le ditte impegnate per conto di Telecom, Italgas, Enel e Aca in lavori di vari tipo, prevedendo la rottura del manto stradale, si accollino successivamente il ripristino originario della stessa superficie stradale.

 

“Le  ditte che lavorano per conto di Italgas, Telecom,  Enel ed Aca – ha spiegato Lino Ruggero – ci devono inviare una documentazione con le foto del manto stradale prima e dopo i lavori. Nel frattempo gli uffici hanno predisposto di congelare le fideiussioni delle società per verificare l’effettiva realizzazione dei lavori dovuti. Dopo essere intervenuti su  via Saline, via Trebbia, via Campo di Giove con il ripristino del manto stradale per quasi tutta la carreggiata, sono stati compiuti i lavori anche sugli attraversamenti di via della Liberazione e  di Corso Umberto. Oggi sono stati completati quelli di via De Gasperi e via Lago di Garda. Tutto questo a costo zero per il Comune e per i cittadini, grazie anche alla collaborazione delle società, in particolare di Telecom che ha predisposto lavori di ripristino anche per tratti superiori a quelli dovuti. I prossimi lavori che controlleremo accuratamente toccheranno via Arno, parte di via Verrotti, via Manin , via Chiappinello, via Scesa, Via Chiarini ed altre.  Ringrazio, per la messa in atto dei controlli sulle tante autorizzazioni emesse dal Comune, il dirigente di settore ing. Niccolo’ coadiuvato dal prezioso lavoro di  Alfonso Di Cola e Marco Amadio”.

“Questo è un esempio di buona amministrazione – conclude il vice Sindaco - che si preoccupa di controllare e di tutelare al meglio le strade della collettività senza incidere nelle casse comunali; comportamento che se fosse stato adottato in passato e nei tempi giusti non avrebbe portato alla situazione in cui oggi versano alcune strade il cui ripristino grava  inevitabilmente sulle finanze del Comune”.