PER LA PRIMA VOLTA UNO SCREENING PER RILEVARE CASI DI DISGRAFIA SULLA POPOLAZIONE SCOLASTICA DI MONTESILVANO

Sono duecentoquaranta gli alunni delle classi terze delle scuole primarie di Montesilvano che per tre giorni, da martedì 17 a giovedì 19 dicembre, verranno sottoposti ad uno screening specifico finalizzato alla rilevazione degli eventuali casi di disgrafia, un disturbo specifico di Apprendimento (DSA) riconosciuto per la prima volta con la legge n. 170 dell’8 ottobre del 2010, denominata “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”.

 

Lo hanno annunciato questa mattina in conferenza stampa Attilio Di Mattia, sindaco di Montesilvano, Enzo Fidanza, assessore alla Pubblica Istruzione, Alfonso Melchiorre, dirigente di settore, Paolo De Cesare, Amministratore delegato di Integrazioni e Sistemi (la società che si occuperà di realizzare lo screening), Marco Baffoni, direttore business Unit della società Integrazioni e Sistemi. Presenti anche alcuni presidi degli Istituti Comprensivi della Città: Nino Traini (Istituto Comprensivo Troiano Delfico), Leo Di Fabio (Istituto Comprensivo Villa Verrocchio), Raffaella Cocco (Istituto Comprensivo Silone).

“Abbiamo fatto nostro questo progetto – ha dichiarato il sindaco Attilio Di Mattia - perché l’Amministrazione Comunale vuole fare investimenti che guardano al futuro per porre le basi affinché sia migliore del presente. Ed il futuro sono i giovani montesilvanesi che devono poter credere nelle proprie capacità e devono essere messi nelle condizioni di affrontare un percorso scolastico senza difficoltà. Il disturbo della disgrafia è uno di quei disturbi difficili da riconoscere, perché spesso viene confuso con una atteggiamento negligente del ragazzo. Un pregiudizio pericoloso per la costruzione della propria autostima e per la costruzione, dunque, della propria personalità. In realtà i ragazzi che soffrono di questo tipo di disagio sono più sensibilità e spesso più intelligenti dei coetanei. Sono molti gli uomini di successo che da giovani avevano di questi problemi, si dice di Einstein, di Walt Disney e di tanti altri. Ecco, le famiglie devono stare tranquille ed essere messe in condizione di capire se il proprio figlio ha un problema del genere, perché è assolutamente risolvibile in poco tempo”.
“Ringrazio i presidi – ha continuato l’assessore Fidanza - che hanno raccolto con grande entusiasmo l’invito ad aderire a questa iniziativa e rassicuro le famiglie, perché i risultai dello screening saranno coperti dalla riservatezza e comunicati solo ai genitori degli alunni. Ci interessa proteggere i più piccoli e sostenerli nel loro percorso di crescita. Una iniziativa che non rientra nelle strette competenze di una amministrazione comunale, ma che noi abbiamo voluto far propria, proprio perché in momenti di difficoltà come quelli che stiamo vivendo, bisogna che le Istituzioni amplino il loro spettro di azione e lo facciamo addossandosi responsabilità sempre maggiori in particolare rispetto alle donne e gli uomini del domani”

“La disgrafia – hanno spiegato De Cesare e Baffoni - è una anomalia del movimento corsivo e della condotta del tratto che si traduce in difficoltà di coordinamento, irregolarità delle spaziature, malformazioni e discordanze di ogni tipo associate ad un tratto di pessima qualità. Purtroppo è frequente che le difficoltà specifiche di apprendimento non vengano individuate precocemente e il bambino è costretto così a vivere una serie di insuccessi a catena senza che se ne riesca a comprendere il motivo. Ecco perché è fondamentale rilevare il disagio in tempi utili. Ringraziamo Il Comune di Montesilvano, che si fa capofila di questo progetto insieme al Comune di Rieti. Il servizio di screening è finalizzato alla rilevazione della patologia nei bambini tramite la piattaforma HWA (Hand Writing Assestment).

La modalità di interazione è molto semplice: il bambino compilerà gli esercizi scrivendo un testo predefinito sulla tavoletta grafica digitale con l’ausilio di una speciale penna  che trasferirà opportunamente al sistema HWA i parametri d’interesse. Il motore di analisi provvederà all’elaborazione del tratto relativamente ai parametri pressione, tempo esecuzione,errori, inclinazioni, distanza tra le lettere/parole, fuori traccia e coordinate del tratto e guidando il paziente, tramite segnali visivo/sonori, alla corretta compilazione.

HWA, dopo aver interpretato lo svolgimento segnalerà in tempo reale se il bambino si trova in zona: Pass: cioè non presenta sintomi della disgrafia o in zona Refer: sono presenti dei sintomi della disgrafia  e necessita un approfondimento di diagnosi con l’ausilio di personale specialistico. Tutte le fasi saranno effettuate sotto la supervisione  controllo di personale medico specialistico per supporto, spiegazioni e comparazioni con metodologia BHK .

Al termine delle attività saranno rilasciati in forma anonima i dati statistici alla scuola mentre solo ai genitori sarà consegnata in busta chiusa il risultato”.

Grande soddisfazione ed interesse sono stati espressi da tutti i presidi presenti in conferenza stampa.

Bandi di Gara

Comune di Montesilvano

commercial-building-iconPiazza Diaz, 1 - 65016 Montesilvano (PE)
Telefono: +39.085.44811
Fax: +39.085.834408
Cod. Fisc 00193460680
IBAN: IT84U0311177340000000000673
C.C.P: 12092656

 

Cookie e Informativa Privacy
Note Legali
Privacy